Norberto

Norberto

Norberto Proietti, più conosciuto come Norberto è nato a Spello nel 1927, diventò uno dei più famosi artisti naïf noto per i suoi frati in miniatura sullo sfondo di paesaggi medievali. Nell'ambito della scultura è conosciuto per le opere realizzate modellando il legno di ulivo e per il Pellegrino di pace, posto davanti alla Basilica superiore di San Francesco d'Assisi, dedicato al Santo patrono d’Italia.

Nel 1951 dipinse il suo primo quadro. Dal 1961 si dedicò esclusivamente alla pittura con l'allestimento di mostre all'estero, ma la consacrazione avvenne al Festival dei Due Mondi di Spoleto (1967-1974). Cesare Zavattini, il più influente fautore del naïf italiano, gli fa conferire, nel 1971, il Premio Suzzara. Disse di lui il critico Vittorio Sgarbi: “Il Medioevo fa da sfondo fisico, temporale e spirituale ai dipinti dell'artista. Non è un Medioevo propriamente storico o filologico, ma è una categoria dell'anima alla quale Norberto attribuisce il merito di aver conseguito la perfetta equazione tra uomo, Dio e natura. Il Medioevo metafisico di Norberto è il migliore dei mondi possibili”.

Norberto, la cui bottega spellana era in piazza della Repubblica, dipinse, col suo inconfondibile stile, anche nature morte, notturni, campagne romane, musicisti, interni, grano, ulivi, frutta, la sartoria, Assisi, Piazza San Marco, la Basilica di San Nicola di Bari e figure femminili, oltre a una serie di sculture in legno, ceramica e bronzo. Morì nel 2009. A Spello gli è stato dedicato un museo che espone numerose sue opere.

Norberto

Dimensione: 60x80

Tecnica: olio su tavola

Titolo: La scolaresca

Anno: 1980